Laura, la Yukon Arctic Ultra è tua!

Una vera e propria impresa: l’ha compiuta Laura Trentani qualche settimana fa alla Yukon Arctic Ultra, cui si era presentata al via con Roberto Ragazzi; dopo aver presentato la loro avventura, è ora giunto il momento di raccontare anche come è andata.

Risultato storico

Innanzitutto il risultato: “Laura è arrivata 3^ nella 300 miglia – spiega Roberto con una punta di orgoglio – in 7 giorni e 12 ore: su 13 partecipanti sono arrivati in 4, e Laura è stata l’unica donna a portare a termine la prova nonché la prima donna italiana nella storia ad aver concluso questa gara sulla distanza delle 300 miglia”.

A Roberto non è andata altrettanto bene: “Purtroppo mi sono dovuto fermare dopo circa 24o km per un principio di congelamento a un piede, a causa di una vescica: è stato un vero peccato perché stavamo bene e tutto stava andando secondo i piani, i lunghi mesi di preparazione stavano dando i loro frutti; però se partecipi alla Yukon Arctic Ultra devi mettere in conto questi rischi, perché non si può scherzare con queste ambiente, in cui un minimo problema può diventare enorme, e non potevo continuare in quelle condizioni”.

All’inseguimento di Laura

Laura Trentani ha deciso di proseguire: “È stato difficile ripartire da sola – spiega Laura – anche perché avrei dovuto affrontare per la prima volta la notte in solitaria, ma stavo bene e ho deciso di continuare; sono anche stata fortunata: sopra un lago su cui ho camminato per 40′ ho avuto la possibilità di osservare per tutto il tempo l’aurora boreale che danzava davanti a me: è stato davvero emozionante e mi ha dato felicità e forza per proseguire; al check point di successivo ho trovato Roberto, che era stato accompagnato dall’organizzazione, ho verificato che le sue condizioni fossero buone e sono ripartita più tranquilla, anche se mi aspettavano altre tre notti di cammino, ma la natura intorno a me, tanto era bella e silenziosa, mi faceva sentire a mio agio nonostante fossi sola”.

Intanto Roberto si attrezzava per cercare di seguire Laura e farle sentire la sua presenza: “Ho conosciuto una ragazza australiana che aveva un’auto e grazie al suo passaggio sono riuscito ad arrivare al check point successivo in tempo per vedere Laura; questo ci ha permesso di tranquillizzarci a vicenda e di concentrarci sul prosieguo della gara, io per l’assistenza e lei per portare a termine la sua impresa”.

L’impresa si avvicina

Laura e Roberto al termine dello Yukon Arctic Ultra

Non sono mancati i momenti di difficoltà: “L’ultima tappa è sempre la più difficile – continua Laura – perché il traguardo è ormai vicino ma la fatica si fa sentire di più; dopo 5/6 ore di cammino di notte mi sono fermata per riposarmi; quando poi sono ripartita mi è venuto il timore di aver sbagliato strada; i markers erano corretti, ma trattandosi di un percorso andata e ritorno avevo paura comunque di aver sbagliato; mi sono tranquillizzata solo dopo che mi ha raggiunto un altro atleta.”

Ma ormai il traguardo si avvicinava: “Per me – spiega Roberto – è stato un momento davvero emozionante vedere arrivare Laura, perché ho condiviso con Laura gli ultimi metri; l’organizzazione mi ha dato poi l’opportunità di accogliere Laura all’arrivo, di accompagnarla e di metterle la medaglia di finisher al collo; insieme abbiamo percorso gli ultimi metri sventolando la bandiera italiana con tutte le firme delle persone che hanno contribuito al nostro progetto umanitario Run for Africa; non trovo parole per descrivere l’abbraccio con Laura al traguardo, tra pochi intimi, nel rispetto dello spirito di questa gara, e vedere al collo di Laura la medaglia di finisher è stato veramente un momento indimenticabile”.

Il 7 Laura e Roberto raccontano la loro impresa a Massino Visconti

“Ora abbiamo mille progetti in testa – spiega Laura – sull’onda dell’entusiasmo per me e della voglia di rifarsi per Roberto, ma per il momento non abbiamo ancora deciso verso quale nuova impresa orientarci; nel frattempo stiamo girando per raccontare la grande avventura della Yukon Arctic Ultra: il prossimo appuntamento sarà a Massino Visconti (NO) venerdì 7 aprile”.

 

 

 

Commenta l'articolo

Ci farebbe piacere conoscere la tua opinione, lascia un commento qui sotto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati*