L’Italian Sculling Challenge ricorda don Angelo

Dove: Orta San Giulio

Quando: 2 marzo 2014

L’Italian Sculling Challenge è una bella avventura sportiva, un evento conosciuto e apprezzato in tutta Italia, nato nel 2005 per ricordare la figura di don Angelo Villa, Padre Spirituale del Canottaggio Italiano.

Partenza_Italian_Sculling_Challenge_2013

La partenza dell’Italian Sculling Challenge 2013

Novembre 2004: don Angelo Villa, eclettico sacerdote appassionato di sport, cappellano degli Alpini, fondatore della Canottieri Lago d’Orta e amico personale dei mitici fratelli Abbagnale, scompare tra le acque del suo amatissimo Lago d’Orta mentre si sta recando, in barca, a dir messa a Pella; il suo corpo senza vita sarà ritrovato a San Maurizio d’Opaglio.
Dopo i primi, comprensibili, momenti di sconforto, nasce in tutti i suoi moltissimi amici la volontà di ricordare la sua figura: ma come fare? Ovvio, con una gara di canottaggio! Ma non basta: i membri della Canottieri Lago d’Orta, presieduta ora da Antonio Soia, vogliono fare qualcosa di più… Ecco l’idea! Una gran fondo in singolo di 6 km – distanza inusuale per una gara di canottaggio – con partenza e arrivo a Orta San Giulio, un giro di boa davanti a Pettenasco e la circumnavigazione dell’Isola di San Giulio, dove don Angelo viveva. Anche il titolo dev’essere speciale, qualcosa che faccia capire a tutto il mondo di cosa si tratta: Italian Sculling Challenge – Memorial don Angelo Villa.

Pochi mesi dopo la Canottieri Lago d’Orta è pronta per celebrare il ricordo di don Angelo, ma la data coincide proprio con il weekend in cui scompare Giovanni Paolo II: la regata si trasforma allora in un silenzioso omaggio ai due religiosi.

Nel 2006 finalmente la prima vera edizione agonistica dell’Italian Sculling Challenge: la partenza in simultanea di centinaia di barche è un’emozione speciale sia per chi ha la fortuna di assistervi, o meglio di viverla in diretta, e diventerà l’immagine simbolo dell’evento.
Per quanto riguarda la gara, in campo maschile vince proprio uno dei pupilli di don Angelo, Stefano Basalini da Miasino, uno che nella Canottieri Lago d’Orta ha imparato a remare, prima di spiccare il volo verso 7 titoli mondiali. Stefano è anche uno dei pilastri dell’organizzazione e, appena sceso dalla barca, afferma: “Don Angelo oggi era in barca con me”. Retorica? No, perché don Angelo era davvero con Stefano, ed era nel cuore di tutti: atleti, membri dello staff dell’organizzazione e spettatori.

In campo femminile vince la bielorussa Ekaterina Karsten, un’atleta abituata a trionfare in Mondiali e Olimpiadi e venuta a rendere omaggio a don Angelo; come lei arriveranno nel corso degli anni tanti campioni da tutto il mondo, dallo sloveno Iztok Čop, vincitore di due edizioni, al danese Henrik Stephansen, recordman mondiale di remoergometro sui 2.000 m, dominatore nel 2013. Tra le donne non possiamo non ricordare la britannica Sophie Hosking, Campionessa Olimpica nel 2012, vincitrice nel 2009 e nel 2010, e l’olandese Femke Dekker, prima nel 2013. Sul Lago d’Orta hanno ovviamente gareggiato anche moltissimi italiani; due nomi per tutti: Elia Luini, tre volte sul gradino più alto del podio, ed Elisabetta Sancassani, trionfatrice in due edizioni.

Foto_di_gruppo_Meeting_Scolastico_Remoergometro_2013

Foto di gruppo dei partecipanti al Meeting Scolastico di Remoergometro 2013

Ma l’evento organizzato dalla Canottieri Lago d’Orta è molto altro; il sabato prima della gara, in una località che cambia tutti gli anni, si tiene il Meeting Scolastico di Remorgometro, una spettacolare staffetta cui partecipano i campioni in gara il giorno successivo, un atleta diversamente abile e quattro alunni (tre ragazzi e una ragazza) delle scuole della zona: sport allo stato puro.
Nel 2014 il Meeting Scolastico di Remoergometro si terrà il 1° marzo a Pettenasco, alle ore 10.00, in Piazza Unità d’Italia.
La nona edizione dell’Italian Sculling Challenge – Memorial don Angelo Villa si terrà invece domenica 2 marzo: l’appuntamento come tradizione sarà in Regione Bagnera, a Orta San Giulio, con le gare giovanili, a partire dalle 10.00, e con la nona edizione del Memorial alle ore 12.00.
Se volete assistere a uno spettacolo sportivo diverso dal solito, non perdetevi il Memorial don Angelo Villa.

Commenta l'articolo

Ci farebbe piacere conoscere la tua opinione, lascia un commento qui sotto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati*