Valentina Greggio, la velocità è il suo mestiere

Con quel sorriso a metà tra il timido e l’ironico conquista subito le simpatie di chi le sta di fronte: ma è sulle piste da sci, e non quelle “classiche” dello sci alpino, ma su quella sorta di autodromo in bianco che sono i tracciati di Speed Skiing, che Valentina Greggio dimostra la statura di grande atleta.

12202243_10208237800249177_340875741_n

Valentina in azione – foto fornitaci dall’atleta

Campionessa del mondo e detentrice della Coppa del Mondo di specialità, Valentina Greggio, verbanese, 24 anni, si appresta a vivere una nuova stagione da protagonista.

La sua avventura è nata nel modo più classico, sulle nevi della zona: “Ho iniziato a sciare a 2 anni e mezzo – spiega Valentina –  e crescendo ho sempre coltivato la passione per la velocità; i miei allenatori dicevano che ero matta e io invece mi sentivo benissimo e mi divertivo sempre di più ad andare veloce! Ho iniziato a fare gare di sci alpino a 7 anni e ho continuato fino a 18/19 anni, finché l’allenatore della squadra di sci di velocità ha chiesto al mio allenatore se mi sarebbe piaciuto provare con il KL (Chilometro Lanciato)”

Valentina ovviamente non poteva farsi sfuggire l’occasione: “Ero appena diventata maestra di sci e l’idea mi attirava molto; sono andata a fare una gara in Austria, ed essendomi comportata bene lo Staff della Nazionale ha deciso di inserirmi nella Squadra e farmi fare le gare di coppa del mondo. Da lì è partito tutto!”

L’inizio è subito promettente: “I primi due anni ho gareggiato nella categoria SDH – Speed Down Hill – con materiali di serie (da discesa libera) e alla seconda stagione ho vinto mondiali, coppa e ho fatto il record del mondo con 202 km/h; l’anno successivo ho cambiato categoria e come mi aspettavo, sono andata incontro ad alcune difficoltà, in parte dovute al cambio di categoria, in parte per piccoli problemi di salute”.

Comunque, nel 2014, Valentina vince tre gare, concludendo la stagione 2ª in coppa del Mondo.

12202228_10208237800889193_768282933_n

Valentina Greggio (al centro) sul podio delle finali di Coppa del Mondo 2015 – foto fornitaci dall’atleta

Il 2015 è la sua stagione migliore: “Quest’anno – conferma – è stato l’anno del riscatto perchè a livello fisico sono stata bene, finalmente in ottobre mi avevano tolto le tonsille, e sono riuscita a vincere sia i mondiali che la coppa del mondo!”

Come ti sei preparata alla nuova stagione?
Mi sto allenando in palestra e poi pratico ciclismo, skiroll e altro … Non amo rinchiudermi sempre in palestra e quindi appena posso faccio qualche sport “alternativo”; con il mio preparatore atletico Guenza Gualtiero studiamo sempre nuove tipologie di allenamento ma ovviamente queste devono restare segrete (ride, ndr); sto finendo di sistemare il materiale che utilizzerò in gara e poi aspetto con ansia la neve per testare il tutto sugli sci…

Quando inizierai a gareggiare e dove?
La prima gara dovrebbe essere intorno al 23 di gennaio in Austria a Kaunertal, dove si disputerà una gara FIS: in questo modo potremo testare la nuova pista così che possa essere “omologata” per la finale di Coppa del Mondo prevista alla fine di aprile; dopo la prima di gennaio ho tutto febbraio per mettere a punto materiali e preparazione e a marzo disputeremo le altre gare… Sarà una vera e propria “corsa contro il tempo”; comunque il calendario può ancora variare molto in base alle condizioni meteo quindi fino all’ultimo non siamo mai certi di nulla.

Quali sono i tuoi obiettivi stagionali?
Beh … Sicuramente mi piacerebbe riuscire ad aumentare la mia velocità e magari non solo di 1 km … E poi per il resto non dico mai nulla … Scaramanzia! (ride, ndr)

Se dovessi praticare un altro sport, quale vorresti praticare?
Mi piacciono così tanti sport che dovrei fare una hit parade! Sicuramente qualcosa sulla neve come sci alpinismo o magari combinata nordica; dico la verità, non saprei bene quale sport scegliere perché ultimamente ho iniziato a giocare a tennis e mi piace anche quello, meglio non provarne più!

L’università come va?
In teoria il 24 novembre dovrei laurearmi in Scienze Motorie all’Università dell’Insubria e poi dovrei iniziare il corso specialistico di 2 anni. Vedremo!

In bocca al lupo Valentina!

Commenta l'articolo

Ci farebbe piacere conoscere la tua opinione, lascia un commento qui sotto.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati*